MACROTRENDS

Cosa sta cambiando

Less is more, non solo nel design e nell’architettura; meno sembra meglio in diversi ambiti: meno
infrastrutture, meno complessità, meno oneri. Si assiste a una generale sottrazione dei materiali,
degli ingombri e dei pesi.
La ricetta pare essere la riduzione: delle distanze (KM0), dell’impatto ambientale, del peso del
possesso (sharing economy), dei costi… ma soprattutto dei tempi.
Tutto all’insegna della leggerezza… fisica, e anche mentale.



 

 Cosa cercherà il consumatore

Prodotti sempre più personalizzati e personalizzabili, flessibili o fatti ad hoc.
Esperienze uniche, esclusive e irripetibili di cui essere protagonisti o testimoni privilegiati.
I brand sono così chiamati a instaurare un rapporto personale - che sia credibile - con il cliente,
conoscendolo come individuo, nella propria unicità: passioni, interessi, stile di vita… per
selezionare e proporre prodotti, servizi, modalità d’acquisto “su misura”, rispondenti alle diverse
personalità… e perché no, alle emozioni del momento.


…nel turismo

A ognuno il proprio viaggio, tagliato su di sé, a ciascuno il proprio stile: viaggi evento, castelli ad
uso esclusivo di un unico ospite, mezzi di trasporto insoliti… disposti a tutto, purché non per tutti.
Anche per le vacanze più tradizionali diventerà fondamentale selezionare “il viaggio giusto per
sé”, magari affidandosi a un consulente personale.
La sfida sarà conciliare prodotti e categorie tradizionali del settore con una richiesta sempre
maggiore di personalizzazione. L’imperativo sarà: servizi à la carte e tempi flessibili.
E’ il momento del design del prodotto turistico.