MACROTRENDS

Cosa sta cambiando

Nel momento in cui le tecnologie ci aprono nuove frontiere e ci prospettano un futuro condiviso
con le “macchine”, emerge lentamente l’esigenza di ripensare il senso della vita, del tempo, delle
relazioni. Cresce la sensibilità verso quegli ambiti in cui - almeno per ora - l’essere umano riesce ad
esprimere se stesso, a entrare in una relazione profonda con il mondo, andando al di là dei social
network… per ritrovare il piacere e la gioia dell’incontro, dell’arte, della creatività, per ritrovarsi e
scoprire aspetti diversi della propria identità: un nuovo senso di felicità.

L’ artista nipponico Shinichi Maruyama crea secondo la filosofia del wabi-sabi, l’elogio dell’imperfetto e della transitorietà. 
 

www.shinichimaruyama.com

The New Yorker,
“The Year of Hygge, the Danish Obsession with Getting Cozy”
By Anna Altman,
December 18, 2016
www.newyorker.com

Unsplash.com

Immagine di copertina libro
“Parkour: The Complete Guide To Parkour and Freerunning For BeginnersPaperback”
27 Apr 2015, Jason Jones (Author)

Foto royalty free

 Cosa cercherà il consumatore

Le persone cercheranno sempre più brand ed esperienze che abbiano un valore aggiunto in
termini di contenuti, capaci di arricchirle interiormente… di farle stare bene e, soprattutto, di
produrre un cambiamento, risvegliando la creatività e i talenti nascosti, riscoprendo il gusto del
“superamento del limite”, ritrovando il piacere della “condivisione vera”, attraverso incontri con
persone e realtà che aprono nuove prospettive esistenziali.
La ricerca della felicità diventa pienezza di vita e possibilità di trasformazione, anche perché è
sempre più forte la consapevolezza che il tempo sarà il nuovo vero lusso, la moneta del futuro…
che va spesa al meglio.


…nel turismo

Proposte che nutrono il corpo e lo spirito, ma anche la mente. Dimentichiamo le meditazioni yoga
e lo spirito new age, per un’idea di felicità molto più “concreta” che unisce al piacere sensoriale,
interessi culturali (musica e arte) ed eventualmente religiosi.
Viaggi che tornano ad essere scoperta, superamento di un limite geografico e psicologico,
avventure interiori che trasformano.
Sarà soprattutto vacanza dai ruoli quotidiani prefissati, per prendersi cura dei lati nascosti della
propria identità, per nutrire e ritrovare la gioia e la felicità.



Casa del árbol – Baños, Ecuador: esperienza in altalena che si affaccia su un precipizio.

Photo © Macarena Constanza


Unsplash.com

 


 

 

 

“Book and bed” Tokyo, ostello-libreria per soggiornare in ambienti che offrono esperienze che arricchiscono interiormente.

Fonte immagini www.booking.com